• E quell’albero di Natale?…

    Lo so, devo ancora raccontarvi come ho scoperto l’Home Staging. Ma prima…

    Avete messo via tutti i decori natalizi? Il periodo delle festività appena trascorso mi sollecita a parlare del rapporto tra “stagionalità”, ricorrenze e messa in vendita delle case.

    A meno che non si sia totalmente allergici al Natale o in piena emergenza familiare (ciò che è capitato a me!), è difficile resistere dal decorare la propria casa.
    Un bell’albero carico di luci e sfere scintillanti, festoni bene augurali, candele, angioletti e Babbo Natale, un presepe tradizionale o fatto di materiali riciclati: tutto concorre a creare il clima di festa!
    Piace ai bambini e al bambino che “sopravvive” in ognuno di noi.

    Mettiamo il caso che una coppia giovane, con un bimbo e un nuovo bebè in arrivo, trovi proprio a dicembre la casa dei sogni, quella definitiva per una famiglia in crescita.
    Mettiamo il caso che il loro romantico bilocale vada venduto. Mettiamo pure il caso che le foto vengano fatte dopo aver già decorato la loro casa per le feste.
    Che ne pensate? Sarà stata una scelta vincente?

    Mettiamo il caso che il bilocale non si venda immediatamente, come vi sembrerà a inizio primavera o in estate l’annuncio di un immobile con l’albero di Natale? Che messaggio trasmette?
    Quelle foto datano inconfutabilmente l’annuncio. E l’annuncio è vecchio.

    “Cosa c’è che non va in quell’appartamento? Come mai non ha ancora venduto?”
    “Che tristezza i decori invernali proprio adesso! E’ primavera…”
    Queste saranno solo alcune delle considerazioni fatte dai potenziali acquirenti.

    Perciò voglio regalarvi una delle regole dell’Home Staging.

    Prima di fotografare una casa per proporla sul mercato immobiliare, accertatevi che non sia presentata in modo troppo strettamente legato al momento e alla stagione!

    Ricordatevi: scegliete un bel mazzo di fiori freschi per abbellire la vostra sala, evitate però le mimose che fanno tanto 8 marzo.
    Nascondete le Uova di Pasqua, di solito esposte in parata sulla credenza.
    E anche se vi dispiace, non esibite lo striscione della squadra del cuore che ha appena vinto lo scudetto.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: